Potrebbe esistere un Universo parallelo nel quale il tempo scorre al contrario!
Due scienziati americani ha proposto l’esistenza di un universo alternativo, formatosi esattamente come il nostro durante il Big Bang. Con una differenza fondamentale: il tempo scorrerebbe all’indietro.
Cat: Spazio | Tags:

Universo parallelo: potrebbe esistere davvero!

Due scienziati americani, Sean Carroll e Alan Guth, hanno proposto l’esistenza di un universo alternativo, formatosi durante il Big Bang, esattamente come quello in cui viviamo, ma con una differenza fondamentale: il tempo vi scorrerebbe all’indietro.

Il primo modello proposto dai due fisici americani, uscito poco più di un anno fa sulla rivista Physical Review Letters, sosteneva che una delle conseguenze di base della teoria gravitazionale di Newton, crea le condizioni affinché la freccia del tempo si muova in una certa direzione, specie quando la distanza tra le particelle createsi è minima.

Tuttavia, oggi, Carroll e Guth hanno proposto un nuovo modello molto simile al primo, ma più semplice, in quanto non si basa sulla gravità o sulle particelle in un sistema chiuso, bensì sul concetto dell’entropia, che viene applicata alle particelle nello spazio infinito (l’entropia altro non è che una grandezza fisica che determina la parte di energia che può essere utilizzata per produrre lavoro).

Secondo questo nuovo modello le singole particelle aventi ciascuna una velocità “randomizzata”, producono il tempo in maniera spontanea. In queste condizioni la metà delle particelle si estende fino ai bordi della nuvola, mentre l’altra metà di muove verso il centro, diminuendo l’entropia.

Gli scienziati, a loro volta, supportano la teoria che è ancora ben lungi dal poterla definire perfetta, in quanto bisognerà definire con chiarezza la direzione della crescita dell’entropia i segni del tempo nelle fasi iniziali.

Ma l’esistenza di un universo parallelo sta ora diventando qualcosa di più di un semplice sospetto.

Insomma, speculando su quanto partorito dai due ricercatori, viene da pensare che, al momento del Big Bang, insieme all’universo nel quale siamo noi, si sia formato una sorta di anti-universo, nel quale il tempo scorre all’indietro (anti-tempo) e la materia ha carica opposta (anti-materia).

La realtà nascosta. Universi paralleli e leggi profonde del cosmo

realta-nascostaBrian Greene – L’autore di “L’universo elegante” e “La trama del cosmo” affronta la domanda delle domande: il nostro è l’unico universo? Un tempo, la parola universo significava tutto ciò che esiste. Ogni cosa. Ma negli ultimi anni le scoperte della fisica e della cosmologia hanno portato un certo numero di scienziati a concludere che il nostro universo potrebbe essere uno dei molti esistenti.

[Disponibile su IBS]

Con una prosa cristallina e un uso ispirato dell’analogia, Brian Greene illustra il ventaglio delle proposte di “multi-verso” che emergono da teorie sviluppate per spiegare le sofisticate osservazioni delle particelle subatomiche e delle oscure profondità dello spazio: un multiverso in cui chi sta leggendo questa frase ha un numero infinito di doppi che leggono la stessa frase in universi distanti; un multiverso che comprende un vasto oceano di universi-bolla, dei quali il nostro non è che uno; un multiverso che nel corso del tempo attraversa lo stesso ciclo all’infinito, un altro che forse è sospeso a pochi millimetri da noi e tuttavia rimane invisibile, un altro ancora in cui ogni possibilità permessa dalla fisica quantistica prende vita.

Da ultimo un multiverso, forse il più strano di tutti, fatto esclusivamente di matematica. Greene, uno dei più importanti fisici e scrittori di scienza, ci guida in un’esplorazione di questi mondi paralleli, che rivela quanta parte della vera natura della realtà potrebbe essere nascosta al loro interno.

 

Molte sono le dimore. Alla scoperta di universi paralleli

molte-dimoreDaniel Meurois-Givaudan – Da sempre esistono culture e uomini che ci parlano dell’esistenza di misteriosi universi paralleli e, oggi più che mai, la fisica quantistica e le creazioni degli artisti più visionari ci spingono effettivamente a porci degli interrogativi a riguardo. Come affrontare il concetto di universo parallelo?

[Disponibile su IBS]

Senza darsi alle speculazioni matematiche o alle ipotesi fantascientifiche, Daniel Meurois-Givaudan apre un terzo campo: quello dell’esperienza diretta. Esploratore delle “dimensioni d’oltrecorpo” da più di trent’anni, egli inizia alle realtà pluridimensionali che costituiscono il nostro universo, attraverso la narrazione di sorprendenti esperienze e contatti con il mondo elfico e quello degli arcangeli, con l’universo dei sogni e i mondi dell’aldilà, con l’universo illusorio di Maya e quello degli archetipi, ove scopriamo il potenziale creativo dell’uomo.

CONDIVIDI: