Asclepio e l’uso dei sogni per curare le malattie con l’aiuto degli dei
Nella mitologia dell'antica Grecia, Asclepio era considerato un dio potente, signore della medicina con il potere di strappare le persone al potere della morte. Figlio del Dio Apollo, era raffigurato come un uomo barbuto con in mano un bastone con due serpenti intrecciati. Rispetto alle altre divinità della mitologia greca, la figura e l'opera di Asclepio sembrano scrivere una pagina separata.
Cat: Società | Tags:

Tutti noi abbiamo familiarità con la figura di Asclepio, dal momento che il simbolo che utilizziamo oggi per la medicina, il bastone con due serpenti intrecciati, è la raffigurazione della verga utilizzata dal dio greco.

Era figlio di Apollo e della principessa Coronide. Secondo il mito, Apollo si innamorò di Coronide mentre ella faceva il bagno in un lago. I due consumarono la loro passione, poi il dio andò via, lasciando un corvo a guardia della ragazza.

Coronide decise di sposarsi con Ischys, e il corvo, quando li vide assieme, volò da Apollo per riferire. Quando scoprì che Coronide era incinta, decise di punire il corvo, tramutandogli le piume da bianche in nere, poiché non aveva allontanato Ischys da Coronide.

Artemide uccise Coronide trafiggendola con un dardo, su richiesta del fratello disonorato. Apollo, però, decise di salvare il piccolo che Coronide aveva in grembo, e chiese ad Ermes di prenderlo dal corpo della madre. Apollo decise di dare al piccolo il nome di Asclepio. Un’altra versione del mito racconta che Apollo stesso uccise Coronide e, compreso il suo errore, estrasse il feto di Asclepio

Asclepio è quindi un semi-dio (oggi diremmo un ‘ibrido’). Fu allevato da una misteriosa figura mitologica greca, il centauro Chirone, il quale allevò Asclepio istruendolo nell’arte della medicina. Il giovane divenne talmente bravo da essere in grado di ridare la vita ai morti.

Tuttavia, il dio dell’Ade si lamentò con Zeus, dato che Asclepio riusciva a strappare un gran numero di persone alla morte. Il risultato fu che Zeus decise di mettere fine alla vita di Asclepio distruggendolo con un fulmine. Dopo la sua morte, Asclepio ha raggiunto la sua dimora presso la costellazione di Ofiuco (Colui che porta il serpente).

Leggi:

La ‘stirpe del serpente’ nella simbologia della cultura umana

Chi erano i Nephilim della Bibbia? Giganti, divinità o antichi astronauti

 

Una figura controversa

Certamente, quella di Asclepio, in confronto alle narrazioni della mitologia greca sullo stile di vita delle divinità, è una figura in controtendenza. Rispetto ai suoi ‘simili’, Asclepio sembrava realmente interessato alla salute e al benessere dell’uomo, tanto da volergli fare addirittura il dono dell’immortalità.

I templi dedicati al signore della medicina erano centri di culto, ma allo stesso tempo avevano anche la funzione di ospedali, i primi ad essere eretti nella storia occidentale. Si stima che nella Grecia antica si contassero circa 320 Asclepeion (ospedali). Ma ciò che più interessa è l’approccio olistico nelle cure tramandate e fatte discendere direttamente dall’insegnamento di Asclepio.

Le malattie erano considerate il risultato di molteplici fattori sociali, ambientali, psicologici, spirituale, emotivi e fisici. In effetti, non si prendeva in considerazione solo il corpo del paziente, ma l’interezza della sua persona. La terapia aveva lo scopo di armonizzare e bilanciare tutti questi fattori. Come sottolinea John Black su Ancient Origins, i nostri antenati avevano sviluppato il perfetto equilibrio tra scienza e spiritualità.

Nell’Asclepeion, il paziente veniva inizialmente posto in un ambiente piacevole a godere di teatro e musica; poi veniva sottoposto ad un regime dietetico più salutare; infine, venivano prescritte sedute di idroterapia e psicoterapia. Quando i terapeuti reputavano il paziente pronto, questi veniva portato al tempio per pregare e poi dormire al suo interno.

La mattina dopo, il paziente raccontava al medico cosa aveva sognato e cosa aveva provato, in quanto si credeva che la visita in sogno di Asclepio fosse la chiave per curare tutte le malattie. Dall’interpretazione del sogno sarebbero arrivate la terapia che il paziente doveva eseguire per ottenere la completa guarigione.

 

L’Asclepeion di Pergamo

Tra i centri di guarigione più importanti, forse il più conosciuto ed enigmatico è quello che si trova alla base dell’acropoli di Pergamo, in Turchia. La città fu fondata nel 4° secolo a.C., attorno ad una sorgente ritenuta sacra che scorre ancora oggi.

Nel corso dei secoli è diventato uno dei centri di cura più conosciuti del mondo antico, secondo per importanza solo a Epidauro, in Grecia, considerato il primo ospedale psichiatrico del mondo. L’influente medico Galeno nacque proprio a Pergamo e qui vi pratico l’arte medico intorno al 2° secolo d.C., affermando la sua buona reputazione come guaritore di gladiatori.

Il trattamento medico per eccellenza somministrato a Pergamo era garantito dalla sorgente sacra, la quale si è scoperto più tardi avere proprietà radioattive. Le sorgenti sacre sono state visitate da personaggi importanti come l’imperatore romano e filosofo Marco Aurelio, e innumerevoli altre persone comuni in cerca di cure per i loro disturbi fisici e mentali.

I pazienti cominciavano la terapia percorrendo la Via Sacra, alla quale si accedeva attraverso un passaggio sotterraneo. Il tunnel era costellato di cubicoli su entrambi i lati, dove alcuni pazienti vi trascorrevano la notte per poi raccontare i loro sogni ai sacerdoti-medici, in modo da facilitare la diagnosi della loro malattia.

Al mattino, una volta saliti al tempio, i pazienti percorrevano un sentiero circolare in modo da camminare in una sorte di processione senza fine. Dopo di che, si veniva sottoposti ad una serie di trattamenti che comprendevano la psicoterapia, massaggi, rimedi erboristici, fanghi e trattamenti balneari, interventi chirurgici e la somministrazione dell’acqua della sorgente sacra.

All’interno dell’Asclepeion c’era anche un teatro, per intrattenere i pazienti che vi sarebbero rimasti per settimane. Tutto questo veniva fatto nella convinzione che la guarigione era un’arte sacra e che le anime delle persone avevano bisogno di essere curate, così come i loro corpi. Secondo le cronache del tempo, pare che i rimedi proposti a Pergamo avessero una grande efficacia nel guarire le malattie.

Ancora oggi, migliaia di persone si recano in pellegrinaggio all’antico sito di Pergamo nella speranza di ottenere la guarigione. Nei nostri ospedali moderni, dove per lo più impera la burocrazie e la spersonalizzazione delle cura, forse non sarebbe male recuperare lo spirito ‘olistico’ che animava l’arte medica dei greci antichi.

 

L’arte degli dei

E’ interessante sottolineare il fatto che 3 mila anni fa l’approccio alla malattia e alla guarigione era completamente differente rispetto ad oggi, e forse anche molto più efficace. Da dove veniva questo valido approccio olistico, in cui il paziente veniva trattato con umanità e curato nell’interezza della sua persona?

E perché, da parte nostra, abbiamo permesso che l’arte medica diventasse il monopoli di potenti case farmaceutiche che più che curare, hanno interesse a prolungare la malattia (in modo da mungere l’ammalato come una vacca che produce profitti interessanti)?

Anche in questo, parliamo di una disciplina insegnata agli esseri umani direttamente dagli dei. Asclepio, ispirato dal desiderio di insegnare agli uomini l’arte medica, ha pagato con la vita l’ira di Zeus, il quale concepiva l’immortalità come appannaggio unico delle divinità.

In una bizzarra trasposizione moderna, la storia di Zeus ed Asclepio ricorda tristemente il rapporto tra le case farmaceutiche, divinità che tengono nelle loro mani il monopolio bastardo delle cure mediche, e la ricerca di terapie mediche che sappiano guardare all’interezza della persona umana e che siano realmente efficaci.

CONDIVIDI: