Sei un viaggiatore temporale? Tu e il tuo doppio potreste incontrarvi e distruggervi a vicenda… attenzione!
Il professor Robert Nemiroff ha sviluppato un esperimento teorico basandosi sul presupposto che sia possibile viaggiare più veloce della luce. A tale velocità, qualsiasi oggetto è in grado di viaggiare indietro nel tempo. Se questo fosse possibile, verrebbe a crearsi una coppia di viaggiatori gemelli, uno di massa negativa e l'altro di massa positiva, i quali incontrandosi potrebbero autodistruggersi!

Immagina un futuro in cui sia possibile viaggiare indietro nel tempo e poter incontrare i tuoi antenati.

Ebbene, potrebbero esserci gravissimi effetti collaterali, tipo la tua annichilazione e conseguente scomparsa dal tessuto spazio-tempo.

Viaggiare nel tempo creerebbe diverse copie di te stesso, alcune che vivono nel presente, altre che si muovono nel passato. Nel corso di un tuo spostamento temporale, potresti incontrare un tuo alter-ego, mettendo fine alla tua vita!

Può sembrare fantascienza, ma in realtà si tratta delle conclusioni di un serissimo studio prodotto da un fisico matematico finalizzato a comprendere alcuni aspetti della Teoria della Relatività.

«Avevo sentito molte volte che oggetti lanciati a velocità superiori a quella della luce erano in grado di viaggiare indietro nel tempo», racconta Robert Meniroff, fisico del Michigan Technological University. «Anche se sono un fisico professionista, non capivo in dettaglio come ciò potesse accadere. Così ho iniziato a lavorare su un esempio molto semplice».

Come spiega LiveScience, l’esempio prevede la partenza dalla Terra di un’astronave capace di viaggiare cinque volte più veloce della luce, la percorrenza di una rotta di circa 10 anni luce e il ritorno a Terra in un punto non distante dalla partenza.

«Secondo la teoria della relatività, più ci si avvicina alla velocità della luce, più il tempo del viaggiatore rallenta. Dunque, in questo modo, sarebbe possibile viaggiare nel futuro», spiega Nemiroff. «Ma per quanto riguarda il passato? L’unico modo sarebbe quello di viaggiare a velocità superiori a quella della luce».

Come visibile nello studio pubblicato arXiv, Nemiroff ha sviluppato una serie di equazioni per capire cosa sarebbe successo ad un viaggiatore impegnato in un viaggio ad una velocità cinque volte superiore a quella della luce.

I risultati curiosi delle equazioni hanno visto spuntare fuori dal nulla una coppia di viaggiatori fantasmi, uno con uno strano tipo di massa negativa e l’altro con massa normale.

Dato che la luce viaggia più lentamente rispetto alla nave spaziale, al suo ritorno i terrestri vedrebbero due astronavi, una sulla rampa di lancio e l’altra su quella di atterraggio.

Dopo otto anni, l’immagine della nave spaziale sulla rampa di lancio sarebbe ancora visibile. Invece, dopo dieci anni, le due astronavi si autodistruggerebbero a vicenda, cancellandone definitivamente l’esistenza dallo spazio-tempo. La stessa cosa potrebbe accadere con qualsiasi oggetto che viaggia indietro nel tempo.

In realtà, l’esperimento teorico di Nemiroff crea più domande che risposte. Ad esempio, di cosa sarebbero fatti i doppi? E quale sarebbe quello vero? Il fisico ammette di non avere le risposte, e comunque si tratta di ipotesi irrealizzabili nella realtà.

«Purtroppo, non sembra possibile per gli oggetti fisici viaggiare a velocità superiori a quella della luce», conclude Nemiroff. «Dunque, i viaggi nel passato, almeno per il momento, sono impossibili».

CONDIVIDI: