Nuvole di acqua ghiacciata in una nana bruna a soli sette anni luce dalla Terra
"Intraviste" nell'atmosfera di una nana bruna a soli sette anni luce dalla Terra. Ma la scoperta deve essere confermata da strumenti più potenti.
Cat: Spazio | Tags:

[La Repubblica] Sono vicinissime, a soli sette anni luce dalla Terra, ma per avere conferma della loro reale esistenza, servono osservazioni con telescopi più avanzati.

Le nuvole di acqua ghiacciata “intraviste” per la prima volta al di fuori del nostro Sistema Solare, si troverebbero nell’atmosfera di una nana bruna, un “ibrido” tra una stella e un pianeta gigante.

Sono descritte sulla rivista Astrophysical Journal Letters dal gruppo dell’Istituto Carnegie di Washington coordinato da Jacqueline Faherty, che le ha osservate grazie al telescopio Magellano Baade.

Quello che hanno visto gli astronomi non sarebbero semplici tracce di vapore d’acqua, ma vere e proprie formazioni nuvolose simili ma la scoperta, accolta con una certa perplessità dalla comunità scientifica, ha bisogno ancora di essere confermata da strumenti più potenti.

Le nuvole individuate si troverebbero nell’atmosfera di Wise J0855-0714, una nana bruna individuata per la prima volta dal telescopio spaziale Wise nel 2010 a una distanza di appena 7,3 anni luce dalla Terra.

Wise J0855-0714 ha una massa circa tre volte più grande del nostro Giove quindi non è abbastanza grande per riuscire a “innescare” le reazioni nucleari che la trasformerebbero in una vera stella ma è anche troppo grande per poter essere definita come un pianeta.

Si tratta dunque di uno strano “ibrido” definito come nana bruna (non è luminosa) ma il cui studio permette di comprendere molti dettagli sull’evoluzione delle stelle. Le osservazioni avrebbero mostrato la presenza di acqua ghiacciata nell’atmosfera “raggruppata” a formare nuvole.

Per Patrizia Caraveo, direttrice dell’Istituto di Astrofisica Spaziale e Fisica Cosmica di Milano dell’Istituto Nazionale di Astrofisica (Inaf) “sarebbe la prima volta che si osserva una copertura nuvolosa fatta di cristalli di ghiaccio su un corpo al di fuori del Sistema Solare, ma è molto difficile confermarne la scoperta: le tracce osservate sono quasi nulle, con i dati attuali”.

Per averne certezza, ammettono anche gli stessi ricercatori, bisognerà attendere nuove osservazioni che verranno effettuate dal prossimo telescopio spaziale James Webb, il successore di Hubble, che verrà lanciato nei prossimi anni.

CONDIVIDI: