Scoperta una cripta medievale con misteriose iscrizioni
Un gruppo di archeologi ha riportato la scoperta di una cripta antica di 900 anni in Sudan, con all'interno sette corpi mummificati e le pareti ricoperte di enigmatiche iscrizioni. Il testo sembra essere stato scritto per proteggere gli individui che giacciono all'interno della cripta, tra i quali riposa un potente leader religioso.

Una misteriosa cripta risalente al 1100 d.C. è stata portata alla luce da un gruppo di archeologi dell’Università di Varsavia.

Il soffitto, il pavimento e le pareti della tomba sono completamente ricoperte di iscrizioni incise con inchiostro nero su un sottile strato di calce, scritte in greco e in copto, la fase finale della lingua egizia.

Le iscrizioni all’interno della cripta sono tratte dai Vangeli di Luca, Giovanni, Marco e Matteo, alle quali si accompagnano una serie di nomi magici e una preghiera dedicata alla Vergine Maria.

L’autore delle iscrizioni è un certo ‘Ioannes’, il quale ha lasciato la sua firma su tre o forse quattro mura, probabilmente con lo scopo di proteggere i defunti contro le potenze del male, spiegano i ricercatori.

“Miravano a salvaguardare non solo la tomba, ma soprattutto coloro che vi erano stati sepolti durante il periodo delicato tra il momento della morte e il loro arrivo davanti al trono di Dio”, scrivono Adam Lajtar, dell’Università di Varsavia, e Jacques van der Vliet, dell’Università di Leiden, sull’articolo comparso nell’ultimo numero della rivista polacca Archeologia nel Mediterraneo.

Lo studio per la decodifica delle iscrizione è ancora in corso e una registrazione completa dei testi e dei disegno potrà essere terminata solo in un prossimo futuro.

“E’ un lavoro molto duro. Le iscrizioni sono conservate molto male rispetto ai disegni”, spiega il dottor Grzegorz Ocha del Dipartimento di Papirologia dell’Università di Varsavia.

A suo parere, una delle iscrizioni più interessanti è la preghiera all’Agnello di Dio, scritto in greco, il che dimostra che questa lingua è stata utilizzata nella Nubia medievale molto più a lungo nei territori bizantini conquistati dagli arabi.

All’interno della cripta sono stati rinvenuti i corpi mummificati naturalmente di sette individui. Secondo gli archeologi, uno dei corpi dovrebbe appartenere a monsignor Georgios, probabilmente uno dei più potenti leader religiosi dell’antico regno Makuria. Il suo epitaffio, trovato nelle vicinanze della cripta, afferma che il religioso morì nel 1113 d.C., all’età di 82 anni.

Sebbene l’abbigliamento delle mummie è in cattivo stato di conservazione, i ricercatori hanno rilevato che gli uomini erano vestiti con vesti di lino molto semplici. Alcuni degli uomini indossava una croce.

Dopo l’ultima sepoltura, la cripta è stata sigillata per sempre. “L’ingresso alla camera mortuaria è stata chiusa con mattoni rossi legati con una malta di fango”, scrive nell’articolo Wlodzimierz Godlewski, attuale direttore della Missione polacca a Dongola.

I risultati presentati nell’articolo sono il frutto di lunghi anni di studi. Infatti, la cripta è stata individuata la prima volta nel 1993 dalla Missione polacca a Dongola. Tuttavia, non è mai stata scavata fino al 2009. Nel corso degli scavi, i corpi sono stati rimossi e studiati, le pareti della cripta ripulite e le sue iscrizioni sono state registrate e studiate con maggior dettaglio.

Un regno perduto

La cripta si trova in un monastero di Dongola, la capitale di Makuria, un perduto regno medievale che fiori nella Valle del Nilo.

Nel momento in cui fu eretta, Makuria si trovava all’apice del suo sviluppo. I suoi sovrani controllavano un territorio che andava dal moderno Sudan fino all’Egitto meridionale.

“Il periodo tra la fine dell’VIII secolo e l’inizio del XII è considerata l’epoca d’oro del reame di Makuria”, spiega Artur Obluski dell’Università di Studi Orientali di Chicago.

La capacità del regno cristiano di Makuria di intrattenere buoni rapporti con il califfato islamico che controllava l’Egitto, è stato il fattore decisivo per il successo del regno. I due reami hanno intessuto vaste relazioni commerciali e molte persone provenienti da Makuria hanno addirittura servito nell’esercito del califfato.

La fine di Makuria è arrivata quando nel 1171 la dinastia Ayyubid ha preso il controllo dell’Egitto, lanciando una vasta invasione nel nord di Makuria e determinando un lungo periodo di declino, la perdita dell’indipendenza e, infine, la sua scomparsa.

CONDIVIDI: